La Barbera 2012

La XXXIV Festa della BARBERA, “Di Corte in Corte”, a Castagnole Lanze (AT) dal 5 al 6 maggio 2012, è stata un’ottima occasione per degustare della buona Barbera… e qualcosa di più.

Le Colline a Castagnole Lanze
Le Colline a Castagnole Lanze

La Barbera è un antico vitigno autoctono piemontese, caratteristico principalmente delle province di Alba e Asti, ma ben presente anche in quelle di Cuneo e Torino oltre che nel lombardo Oltrepò pavese. Troviamo altresì la Barbera sui Colli Piacentini, in Franciacorta, in Umbria, Campania, Sicilia ed in altre regioni italiane. E’ un vitigno che col Sangiovese si contende il primato nella produzione dei vini rossi: é  tannico, di corpo e ricco di acidità.  La potatura (sia corta che lunga) è principalmente a Guyot, con un solo capo a frutto con 10-12 gemme. Essendo un vitigno versatile,  viene utilizzato sia per la produzione di vini rossi giovani e frizzanti, sia per vini tranquilli di medio corpo; se poi le uve sono portate  a buona maturazione e  si usa l’affinamento nel legno, si possono ottenere vini rossi ricchi ed eleganti. La Barbera viene inoltre  utilizzata per la preparazione di spumanti, specialmente bianchi.

Il disciplinare Barbera d’Alba D.O.C. prevede una resa  massima di uva non superiore ai 100 q/ha di coltura specializzata. La resa massima delle uve in vino non deve essere superiore al 70%; per il Superiore é previsto un affinamento di 12 mesi di cui almeno 4 in legno; la messa in commercio é prevista  il 1° novembre dell’anno successivo a quello di raccolta dell’uva. Le caratteristiche stabilite dal disciplinare sono; odore: fruttato e caratteristico; sapore: asciutto, sapido, armonico; titolo alcolometrico volumico totale minimo: 12,00 % vol.; 12,00 % vol.; acidità totale minima: 4,5 g/l; estratto non riduttore minimo: 23 g/l. Quando c’é la menzione “vigna” le uve devono provenire tutte da uno stesso vitigno.

Per il “Barbera  d’Alba” Superiore“, all’atto dell’immissione al consumo, deve rispondere alle seguenti caratteristiche:
colore: rosso rubino; odore: fruttato e caratteristico con eventuali sentori di legno; sapore: asciutto, sapido, armonico;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 12,50 % vol.; con menzione “vigna”: 12,50 % vol.

(Per maggiori dettagli vedi: http://www.langhevini.it/pdf/disciplinari/disciplinare_barbera_alba_doc.pdf) .

La Barbera era un tempo andava bevuta giovane, era il vino rosso da pasto dei piemontesi e dei lombardi; oggi le cose sono molto cambiate per arrivare a delle vere e proprie eccellenze. Il Barbera rimane uno dei vini più importanti del mondo che fa onore al nostro Paese e a chi lo produce, grazie a vignaioli intelligenti, accorti e lungimiranti, che hanno saputo raggiungere vertici importanti anche nel prezzo, talvolta fuori dalla portata comune.

Oggi la Barbera è presente con le DOCG Barbera d’Asti (comprendenti la B. d’Asti Superiore, B. d’Asti Sup. Nizza, la B. d’Asti Superiore Tinella, la B. d’Asti Superiore Colli Astiani o Barbera d’Asti superiore Astiano) e la Barbera del Monferrato Superiore, alle quali si aggiungono varie DOC delle province di AL, AT e CN  come ad esempio: Monferrato, Alba, Piemonte, Coste del Sesia, Pinerolese. E’ dal 2000 che sono state inserite le CRU (sottozone): Nizza, Colli Astiani e Lauretum.

Le note caratteristiche della Barbera solo il colore rosso rubino a cui si aggiungono talvolta dei riflessi violacei; il profumo è quello dell’uva, mentre in bocca il vino è fresco e di corpo. In conclusione, vino di grande personalità.

In occasione della Festa della Barbera ho avuto la possibilità di incontrare alcuni piccoli produttori e degustato, in compagnia di alcuni giovani enotecnici del posto, dei prodotti davvero interessanti anche come qualità/prezzo, alcuni dei quali sono stati i seguenti:

Barbera 1. CASCINA CARLOT di CLAUDIO MO

Azienda locata tra Monferrato e Langa in quel di Coazzolo, Fraz. Osasca (AT).

Barbera d’Asti DOCG 2011,  14%

Il colore é rosso rubino con riflessi viola; al naso: vinoso con sentori di  frutta rossa, fragola, lampone e prugna. In bocca: fresco con sentori di pesca e albicocca; vino ancora giovane con accenti di tannino verde, tuttavia discretamente morbido, anche se non molto equilibrato e  poco  persistente. Forse occorre aspettare!

2. AZIENDA AGRICOLA  MO GIUSEPPE

Castiglione Tinella (CN)

Barbera 2011, 14,5%

Colore rosso rubino intenso con tonalità violacee da uve di buona maturazione; grande intensità al naso : frutta rossa, pesca, aromi balsamici, pera, liquirizia; vino complesso, speziato, pepe nero; in bocca: buona la morbidezza, intensità lunga; fresco, tannino leggermente verde, equilibrato con leggero residuo zuccherino; buona la struttura.

3. AZIENDA AGRICOLA VADA

Azienda locata a Coazzolo (AT)  

Barbera DOCG “Tanguera” 2010, 14%

Fermentazione controllata del mosto per 10 giorni a ca 28°C con un   rimontaggio al giorno e delestage. Maturazione su fecce per 1 mese con periodico batonage. Affinamento in acciaio per 8-10 mesi. Colore rosso rubino-violaceo. Al naso: si avverte la viola e lo speziato, necessita di un pò di tempo per aprirsi. In bocca: fresco, tannino morbido, sentori di ciliegia e mandorla dell’ amaretto; di corpo, buon equilibrio e sapidità

4. AZIENDA AGRICOLA GIANNI ANFOSSO

Azienda locata nel borgo di Castagnole delle Lanze (AT) nella frazione l’Annunziata

Barbera d’Asti DOCG “Touché” 2009, 12,5%.

Fermentazione per 10 giorni sulle bucce in contenitori di acciaio con affinamento pure in acciaio. Colore rosso rubino intenso con qualche riflesso aranciato. Al naso si avverte subito il vinoso, ma anche la viola, lo speziato, il balsamico. In bocca: buona la morbidezza, abbastanza intenso e avvolgente; strutturato, abbastanza equilibrato e pieno, tannini limati.

Barbera

5. AZIENDA VITIVINICOLA GIANNI DOGLIA

Azienda, ultrasettantenne, locata in quel di Castagnole Lanze nella frazione Annunziata (AT)

Barbera d’Asti Superiore DOCG 2008, 14,5%

Un anno di barrique di vari passaggi. Colore rosso rubino intenso. Al naso: complesso,  fruttato con sentori di prugna, speziato di vaniglia e balsamico, con una leggera cattura della mandorla dell’amaretto; in bocca: fresco, morbido, equilibrato e persistente con un piacevole retrogusto di prugna. Maturo.

6. AZIENDA AGRICOLA LA CELESTINA

Azienda locata a Castagnole Lanze (AT)

Barbera d’Asti DOCG “Ri di Gat” 2009, 14,5%

Colore rosso rubino intenso con leggeri riflessi violacei. Fine, complesso, con sentori di viola, pepe nero, cannella, prugna e chiusura balsamica. Ottimo prodotto per prezzo/qualità.

Gnocchetti al Castelmagno e Barbera
Gnocchetti al Castelmagno e Barbera
Articolo di Paolo Zatta

Ti potrebbe interessare anche...

Vuoi commentare?

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *