Il Merlino di Pojer e Sandri

Il nome é di fantasia, ma il prodotto é davvero fantastico. Si tratta di un vino fortificato prodotto dall’azienda agricola trentina Pojer e Sandri di Faedo, un prodotto unico nel suo genere in Italia.

Il Merlino viene ottenuto da una parziale fermentazione del mosto ottenuto da uve Lagrein. L’uva viene vendemmiata quando ha raggiunto una perfetta maturazione. A seguire l’uva viene mantenuta  1 o 2 notti in cella frigorifera. Dopo la diraspatura, gli acini non pigiati, vengono passati per gravità nel serbatoio senza aiuto meccanico-idraulico per una macerazione a freddo che dura cinque o sei giorni per favorire l’estrazione aromatica.

Segue quindi la fermentazione che viene stoppata a 4-5 gradi alcolici mediante l’ aggiunta di brandy invecchiato dieci anni, prodotto dalla stessa azienda, ottenuto da uve schiava e lagarino.

Merlino di Pojer e Sandri“Importante in questa fase di miscelazione – dicono i produttori – non bruciare il vino”. Per cui “la temperatura del distillato viene portata a –10 – 15 gradi sotto zero e l’aggiunta del brandy viene fatta in fase di rimontaggio, fino a portare la gradazione intorno ai 20° d’ alcool”. In questo modo i lieviti e i batteri si bloccano e lo zucchero ancora  presente (100-120 g/L) rimane infermentescibile mentre il fruttato conserva tutta la sua aromaticità. Ancora qualche giorno di paziente attesa e il vino fortificato viene messo nei fusti dove prima stava il brandy che con un gioco di parole é chiamato “Divino”. Infine dopo una decina di mesi per permettere al vino di chiarificarsi il Merlino viene imbottigliato per la gioia degli estimatori.

All’occhio il Merlino é di un bellissimo colore viola intenso; al naso é ricco di profumi di frutti: mora, marasca, ribes e soprattutto ciliegia con note speziate e di caffè, cacao e nocciola; in bocca é caldo, dolce, abbastanza complesso, equilibrato ed  armonico.

L’abbinamento consigliato dai produttori é con la cioccolata, i dolci al cioccolato e al caffé, oppure sulle fragole, ma vine anche raccomandato come vino da meditazione per un lieto conversare o per una piacevole lettura.

Personalmente ho conosciuto questo bel prodotto quando mi é stato proposto in due ristoranti del Trentino in abbinamento ad un gelato speziato guarnito con ciliege sotto spirito. Indescrivibile.

Ancora una volta la creatività del duo vulcanico Pojer e Sandri ha fatto centro!

Il Merlino va servito in piccoli tulipani intorno ai 15 gradi C.

Articolo di Paolo Zatta

Ti potrebbe interessare anche...

Vuoi commentare?

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *