Scheurebe – Sämling 88

Lo Scheurebe é un vino, purtroppo, scarsamente noto al di fuori dei paesi tedescofoni e da parte di pochi connaisseur. Il vitigno dal quale deriva é coltivato prevalente in Austria nel Burgerland e in Stiria e in alcune zone della Germania come nella Renania-Palatinato.

Le analisi del DNA, hanno dimostrato che lo Scheurebe é stato ottenuto dall’incrocio del Riesling con un altro vitigno non ancora identificato, anche se per molto tempo si é supposto che questo vitigno fosse il Sylvaner. L’incrocio, ottenuto intorno al 1916 dal dott. Georg Scheu  (1879–1949) che fu direttore dell’Istituto di Viticoltura di Alzey nella Renania-Palatinato. L’intento di Scheu era quello di ottenere, almeno secondo la versione data dal suo collega Helmut Becker, una varietà aromatica, di buona rusticità, resistente alla siccità, al gelo e alla clorosi. Il Becker, é giusto sottolinearlo, fu direttore di uno dei più prestigiosi istituti di viticoltura: quello di Geisenheim nel Distretto del Reno dove fra l’altro lavorò come docente e ricercatore quel Müller, che diede la patenità all’ormai famoso incrocio che porta il suo nome, il Müller-Thurgau.

scheurebe_kat

Un sinonino dello Scheurebe é Sämling 88 (Seedling in ingleseche va ricordato,  se non altro come curiosità, perché deriva dal fatto che Scheu numerava tutte le piante oggetto dei suoi esperimenti e questo incrocio corrispondeva alla pianta numero 88. Il vitigno, come si proponeva il suo creatore, ha buone caratteristiche di aromaticità e livelli produttivi e qualitativi di alta gamma che raggiungono facilmente gli standard dei vini Prädikat (*) dei paesi tedescofoni. Ne derivano pertanto vini di buona freschezza, di giusto equilibrio, di notevole esuberanza che mantengono il profumo dell’uva e il gusto pieno del fruttato come ad esempio il ribes nero, e pur non potendo competere con i livelli dei Riesling, sono tuttavia vini che se ben prodotti hanno una loro dignità e una buona durata nel tempo.

Il luogo di elezione dello Scheurebe é nei pressi del lago di Neusiedlersee nella provincia orientale dell’ Austria luogo di deliziose vacanze con più di 2.000 ore di sole all’anno, dove predomina un terreno argilloso. Lo Scheurebe é altresì allevato nel Rheinhesse e nella regione del Pfalz. Con un coltura intelligente lo Scheurebe è in grado di produrre ottimi vini dolci delle tipologie Beerenauslese (*) e Trockenbeerenauslese (**) ottenuti da uve surmature selezionate nei singoli chicchi attaccati dalla muffa nobile (Botrytis cinerea) che ne arricchisce il grado zuccherino.

dscn0816_hpQualche sera fa ho avuto l’occasione di degustare un Sämling Trockenbeerenauslese 2005 di Franz Heiss durante una bella serata dedicata ai vini dolci austriaci organizzata dal prestigioso vignaiolo e amico dott. Giorgio Salvan.

La Wiengut di Franz Heiss si trova a Illmitz, un villaggio di circa 2600 abitanti nel Burgerland, posto sulla riva  orientale del Lago di Neusiedlersee ai confini con l’Ungheria. La famiglia Heiss gestisce circa 10 ettari di vigneto seguendo i principi dell’agricoltura controllata/integrata con una scrupolosa attenzione ai dettagli di produzione che costituisce la forza dell’azienda e la  qualità dei vini Heiss. Il  vino in questione é stato ottenuto da viti di circa 15-18 anni e si presenta con un prorompente colore dorato brillante e un’ottima struttura accompagnata da un bouquet fine ed elegante con una freschezza che regge ed equilibra egregiamente la dolcezza del suo alto residuo zuccherino; un vino ricco di note di frutta dolce, di albicocca, di pesca, di rosa, di vaniglia, ma anche di sentori esotici, di canditi, di cedro e di miele. Il vol. alc. è di 10, 5% e l’acidità intorno ai 10 gr: un vino che può durare in perfette condizioni per oltre dieci anni.

Oltre all’austriaco Franz Heiss, altri buoni produttori si trovano nel sud-ovest della Germania, a Pfalz come le Weingut Lingenfelder (13 generazioni), Pfeffingen e Müller-Catoir (una storia agricola che inizia nel 1774). Abbinamento consigliato, oltre al cioccolato, può essere anche con i formaggi a latte crudo e stagionati come il Frankenberger, almeno per esperienza personale.

Note

*Beerenauslese: si ottiene dalla selezione degli acini d’ uva botritizzata intorno al 40%  e un contenuto zuccherino nel mosto di almeno 25° babo(***). Abbinamento consigliato: dolci a base di frutta, anche cremosi, foie gras e formaggi erborinati

 **Trockenbeerenauslese: si ottiene dalla selezione di acini stramaturi con uva colpita dalla muffa nobile fino all’80% ca; il contenuto zuccherino nel mosto dev’essere almeno intorno ai 30° babo.  Abbinamento consigliato: dolci a base di cioccolato.

***1 grado Babo corrisponde a 10 grammi di zucchero in 1000 grammi di mosto.

Articolo di Paolo Zatta

Ti potrebbe interessare anche...

Vuoi commentare?

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *