Uva rara dell’ Oltrepò pavese

Uva Rara: vitigno a bacca nera dell’ Oltrepò pavese, che dà origine alla DOC Oltrepò pavese, S. Colombano al Lambro, Ghemme, Colline novaresi, Fara e Sizzano. Viene altresì allevato nelle province di Vercelli e Novara. Grappolo medio-piccolo di forma allungata oppure corto e conico. Il suo nome deriva dalla caratteristica spargola del grappolo. Nell’800 l’uva rara venne confusa con altre tipologia come fece il Rovisenda (1877) e il Molon (1096) che la confusero con la Bonarda.

Uva rara, Frecciarossa, 2008, 13%
Uva rara, Frecciarossa, 2008, 13%

Sinonimi veri o presunti (Calò, Scienza e Costacurta, 2006): derivano da una tradizione popolare: Bonarda di Cavaglia, Balsamina, Oriola o Orianella, Rairone e altri ancora.

Attualmente gli ettari a uva rara sono circa 600.

Il vitigno è molto vigoroso, purtuttavia è sensibile all’oidio e alla peronospora resiste bene al marciume e alle avversità del clima gelato. Preferisce terreni collinari e argillosi.

Il vino, sebbene gradevolissimo in purezza, viene per lo più miscelato con la Barbera, Croatina e Vespolina. In purezza, come lo preferisco io, rivela profumi delicati come la viola e sapori fruttati di bosco, melograno, susine e marasca. Gradevole la tannicità e discreta è la persistenza.

  Abbinamenti consigliati: Dai salumi e i formaggi di media stagionatura, al risotto con il taleggio, al coniglio e in genere alle carni bianche, ma anche rosse in piatti non troppo strutturati.

Cfr. J. Robinson, et al., Wine Grapes, A complete guide to 1.368 vine varieties, including their origins and flavours, Allen Lane 2012.

Articolo di Paolo Zatta

Ti potrebbe interessare anche...

Vuoi commentare?

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *